sicurezza in montagna, 8 cose da mettere nello zaino - hikingarch

Sicurezza in montagna, 8 cose da mettere nello zaino

Esci di casa per rilassarti in montagna. Scarponi, zaino supertecnico e giacca antivento da professionista. Ma sei sicuro di avere tutto? Sapresti cavartela in una situazione di emergenza? In questo post vi racconto quello che ho imparato da mio padre, che quando ero piccolina riempiva il mio zaino con l‘equipaggiamento di sicurezza in montagna, le piccole cose che nei momenti di difficoltà possono fare la differenza.

10 cose per la sicurezza in montagna del buon escursionista

    • Buon senso. Saper capire quali sono i propri limiti. Essere umili e non sfidare le proprie capacità. Sapersi fermare se il cielo si riempie di nuvole e le condizioni climatiche non promettono nulla di buono. Mi è successo tante volte, il meteo in montagna cambia rapidamente, qualche volta ho dovuto rinunciare alla vetta per tornare alla base. È un po’ triste ma sentieri scivolosi, acquazzoni o raffiche di vento in alta quota possono essere davvero pericolosi.
    • Mappa, bussola e gps. Quando siete in montagna sapreste sempre indicare con precisione la vostra posizione? Per la vostra sicurezza in montagna una cartina dettagliata, ad esempio le Tobacco, ed una bussola sono indispensabili, mentre un gps con altimetro facilita molto le cose a chi non è proprio un mago dell’orientering. Ce ne sono di molto validi a prezzi contenuti, oppure si può far ricorso alle app dedicate al trekking, io mi trovo molto bene con Wikiloc.
    • Torcia. Una piccola torcia con la dinamo nello zaino può salvare la vita se dovesse tramontare il sole prima di aver raggiunto il rifugio. Non pesa nulla e si può caricare in ogni momento. Io ne porto sempre una come questa, il pannellino solare è molto utile.
    • Accendino,  coltellino e fischietto. E se fosse necessario farsi trovare? Un fuoco o un richiamo sonoro possono fare la differenza. Sicurezza in montagna vuol dire prevedere ogni eventualità.
    • Corda e scotch argentato. Possono servire in mille occasioni, se si dovesse staccare la suola dalla scarpa, se si dovesse rompere uno spallaccio dello zaino, se la tenda dovesse avere qualche problema.
    • Kit di primo soccorso. C’era bisogno di dirlo? C’è chi preferisce comporre il suo in base alle proprie esigenze, c’è chi come me ne ha preferito uno già pronto, con garze, cerotti, disinfettante e stick all’ammoniaca.
    • Coperta termica. Da un lato è argentata e protegge dal calore, dall’altro dorata e serve per il freddo, pesa pochissimo e sta in un pacchettino davvero molto piccolo. Ce l’ho nello zaino da sempre fortunatamente non ho mai dovuto aprirla ma sapere che è lì mi fa sentire sicura.
    • Impermeabile e coprizaino. Se un acquazzone dovesse coglierci impreparati l’escursione potrebbe davvero trasformarsi in un incubo. Anche se il sole splende il copri zaino ed il k-way sono fondamentali per la sicurezza in montagna. Quando si entra nella nuvola anche se non piove tutto si bagna molto rapidamente e la temperatura si abbassa drasticamente. A me è successo tante volte tra i Monti Sibillini, non dimenticate mai una giacca!

Un’altra regola della sicurezza in montagna è contattare la sede del CAI di riferimento per conoscere le condizioni del sentiero. Ho dimenticato quialcosa? Commentate pure così aggiorno la mia lista.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>