Gita ai Casoni di Caorle, quattro passi nel passato del Veneto - hikingarch

Gita ai Casoni di Caorle, quattro passi nel passato del Veneto

Lo scorso weekend ho deciso di visitare un luogo che mi ha consigliato una mia amica romana. Dicendomi “Non ricordo il nome ma è davvero bellissimo”. Come in una caccia al tesoro ho scoperto di cosa mi stava parlando, mi sono armata di spray anti zanzare e sono andata a visitare i Casoni di Caorle. Un posto meraviglioso che testimonia lo stile di vita dei pescatori veneti, che fino a qualche decennio fa abitavano a metà tra mare e campagna.

Ho già parlato di quanto mi sia piaciuto il centro storico di Caorle, un paesino davvero affascinante. Per questo ho deciso di tornare e godermi un altro po’ di mare, da accompagnare ad una mini escursione per trascorrere un pomeriggio diverso, e vedere dal vivo le strutture di cannuccia di palude e legno che mi avevano tanto colpito in foto.

I Casoni di Caorle sono palafitte sul canale Nicesolo, costruite dai pescatori e dai cacciatori veneti, che li abitavano con le loro numerose famiglie. Queste strutture sono un esempio perfetto di architettura sostenibile ed autocostruzione, che sfrutta le caratteristiche isolanti dei materiali naturali per tenere sotto controllo temperatura ed umidità.

Gita ai Casoni di Caorle, quattro passi nel passato del Veneto - hikingarch

Gita ai Casoni di Caorle, quattro passi nel passato del Veneto – hikingarch

Oggi queste case che ci parlano di un passato a metà tra mare e campagna, appartengono alle famiglie che le custodiscono gelosamente e che nella maggior parte dei casi hanno apportato delle migliorie alla struttura originale. Infatti, come ci ha spiegato un orgoglioso proprietario, i Casoni di Caorle “doc” sono sprovvisti di finestre e di canna fumaria, l’unica apertura è la porta di ingresso e la ventilazione è garantita dalla copertura “traspirante” realizzata con le cannucce di palude. Il fumo del grande focolare ad una delle estremità della pianta ellittica serviva ad asciugare le canne dalla pioggia ed a difendersi dall’umidità. La forma del tetto aiutava a proteggersi dai venti, mentre la porta era in una rientranza dalle paretine in legno.

Come raggiungere i Casoni di Caorle:

Informazioni utili: dopo aver parcheggiato le capanne si raggiungono a piedi o in bicicletta proseguendo su Via dei Casoni. Un altro modo per osservare queste case che sembrano uscite da una favola è prenotando un tour in barca. Per tutte le informazioni si può contattare l’infopoint nel centro cittadino. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>